Autumni
Antonius Vivaldi
(vulgata: helium olivam)


rusticus canticis celebrat, et choris,
Quod voluptas pulchra bonum messis,
Et paulo excitatur ex liquoribus Baccho.
Et dormiunt in finem frui.

Singula folia canticis et choros:
Temperatura jucundum est,
Cælum vocat tot et tanta,
Dulcis ad fruendum a somno.

Venator venationes ante lucem
Cornibus, sclopetis et canibus
Fugite bestiæ sequi vestigia;

Territis fatigatus timore magno et
Sclopetis et canes, vehementer periculum
Languida, ut fugiant, et oppressus perit.


L'Autunno
Antonio Vivaldi

Celebra il vilanel con balli e canti
Del felice raccolto il bel piacere
E del liquor di Bacco accesi tanti
Finiscono col sonno il lor godere.

Fà ch'ogn'uno tralasci e balli e canti
L'aria che temperata dà piacere,
E la staggion ch'invita tanti e tanti
D'un dolcissimo sonno al bel godere.

I cacciator alla nov'alba a caccia
Con corni, schioppi, e canni escono fuore
Fugge la belva, e seguono la traccia;

Già sbigottita, e lassa al gran rumore
De'Schioppi e canni, ferita minaccia
Languida di fuggir, ma oppressa muore.